Western italiani

Western italiani

Film italiani

Film italiani

Translate

01/05/18

I° Maggio festa dei lavoratori... festa di tutti noi con gli onori!

La Voce della polvere
Num° 011 / 02    
 Titolo:    I° Maggio                                                                                                                       
  1° maggio festa del lavoro. Quando ero immerso, anima e corpo come tutti, nell’attività operativa vedevo la festa non come un tributo ai lavoratori, in fondo si festeggia qualsiasi cosa che faccia business, ma come un pensiero, neanche troppo velato, ai “ponti”. Tra il 25 aprile e il 1 maggio ci sono stati anni che il stare a casa era un anticipo delle ferie. Un riposarsi dopo le feste di Natale. E si arrivava anche a fare ponti molto lunghi. L’unica certezza allora era il lavoro. Oggi questa certezza è sparita nel buco nero della crisi e nel buco…, lasciamo stare i francesismi, di leggi poco chiare e inutili che dovevano “rilanciare” il lavoro. Perciò oggi più di ieri la festa diventa importante e utile. Non per i ponti che ormai fanno parte del passato ma per l’appartenenza al mondo del lavoro che ci accomuna tutti. Eppure il significato si è perso nella memoria dimenticata da pensionati e nella memoria fresca dei giovani. Giovani che sanno solo che il 1 maggio è il concertone. Dove possono vedere i loro idoli e non dal vivo e senza pagare. Un circo equestre sembra diventata questa festa. Poi, si chiama festa dei lavoratori anche se buona parte della gente lavorerà lo stesso. Ospedali, tassisti, ferrovie, tram, musei, cinema, teatro, ristoranti, bar, polizia, delinquenti, aerei e chi più ne ha più ne metta. In teoria solo i dipendenti delle industrie, certi gruppi commerciale ed artigianali chiudono per onorare la festa. Gli altri lavorano.
Compresi i supermercati e le discount. Di primo acchito sembrerebbe sbagliato che loro lavorano e gli altri no. Forse sta in questa ingiustizia il problema della festa. O si sta tutti in panciolle, una fermata universale da tutto e tutti oppure la si svolge in qualche altra forma. La migliore sarebbe fare delle leggi adeguate sul lavoro e per il lavoro, con equità sicurezza e lealtà. Tre richieste da mettere sul piano giuridico. Equità perché i lavoratori sono tutti dipendenti da valutare e coltivare nella stessa maniera, un investimento per l’umanità. Sicurezza dato che morire per lavoro non è ammissibile un una civiltà come la nostra. Lealtà, una parola che sembra lontana dal lavoro ma che invece è il cuore. Se c’è lealtà c’è coesione, rispetto, consapevolezza e uguaglianza. Vorrei  in questo giorno che i politici entrassero nelle fabbriche, non quando sono fermi ma mentre lavorano. Per toccare e vedere cosa succede veramente lì dentro. Un mondo fatto di sudore ma anche di vita, di fatica ma anche di amicizia, di parte della propria esistenza ma anche della società in cui viviamo. Se manca il lavoro manca la vita e non è un assioma che molti capiscono. Pensate solo che la vita media di una persona è di circa ottant’anni e di questi la metà è vissuta nel lavorare forse a qualche politico devono fischiare le orecchie per la vergogna di non fare niente. Di lasciare scappare e/o rubare il lavoro da altri Paesi, solo per quelle lobby vendute al profitto selvaggio del tutto subito e niente al domani. Loro sono i veri nemici del lavoro, che spostano le fabbriche per guadagnare in borsa a danni dei lavoratori lasciati indietro e di quelli che sfruttano che sono davanti. Non sono certi quei poveri che arrivano da noi e che solo perché sono di un altro colore diventano ladri di lavoro e altro. Intanto ci fosse lavoro forse non ci sarebbero i “ladri” e non è detto che molti di noi si devono unire nell’emigrazione verso altri Stati. Stiamo diventando poveri e forse è giusto festeggiare questa giornata dei lavoratori per ricordare e trasmettere che il nostro Paese è fondato sul lavoro come dice la Costituzione:« Art. 1. L’Italia e` una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranita` appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.» Per finire e lo dico ai giovane, andate pure al concertone, ma ricordate di pensare che il futuro è vostro e che scaricare su noi anziani la responsabilità non servirà ad altro che a fare polemica ma intanto la situazione non cambia. Perciò rimboccatevi le maniche, come hanno fatto i nonni e i padri, e costruitevi il futuro, il vostro futuro. Noi anziani possiamo solo dispiacerci e lo siamo e ricordarvi che esiste una giornata dove si ricorda i lavoratori:il 1° maggio. Meditate       
M. Nove
La Voce della polvere – Foglio e/o striscia con uscita “ballerina”…
Pezzi di storie, articoli sfiziosi e pensieri senza il fine di imporsi a niente e a nessuno. Senza “se” e “ma”…

Nessun commento:

Posta un commento